Condividi

image_pdfimage_print

 

Tra ila notte del 12 e 13 dicembre – Sono state incendiate ad Acerra due auto della polizia municipale nel parcheggio antistante il Municipio. Sul fatto indagano gli uomini del Commissariato della polizia di Stato. Dura la protesta di tutti i Comandi di Polizia Locale della Regione. Di Raffaele MASULLO , Ufficiale P.M. Pompei (NA)

 Al fianco dei colleghi di Acerra per la legalità e contro ogni tentativo intimidatorio. Lo scorso 17 dicembre in Via Palatucci ad Acerra (NA), agenti, ufficiali della polizia municipale, accompagnati da  Sindaci e amministratori provenienti da diverse città della Regione Campania, su invito del Direttivo ANCUPM Campania, si sono dati appuntamento in Via Palatucci, nel parcheggio antistante la Casa Comunale del comune napoletano, a sostegno del Corpo di Polizia Municipale di Acerra, vittima nella notte del 13 dicembre scorso di un vile e grave atto intimidatorio posto in essere da criminali a danno dei veicoli di servizio.

 

All’incontro, fortemente voluto dalla delegazione regionale dell’ associazione di categoria ANCUPM (Associazione Nazionale Comandanti Ufficiali e Agenti di Polizia Municipale),  erano presenti delegazioni provenienti da Napoli, Caserta, Afragola, Aversa (Ce) , Calvi Risorta (Ce), Casal di Principe (Ce), Casalnuovo di Napoli, Castello di Cisterna, Cercola, Cicciano, Ercolano, Giugliano in Campania, Lioni (Av), Marzano Appio (Ce), Massa di Somma (Na), Pomigliano D’Arco, Pompei, Portici, Sant’Agata dei Goti (Bn), San Giorgio a Cremano, San Felice a Cancello (Ce), San Sebastiano al Vesuvio, Siano (Sa), Torre del Greco, Volla.

Una breve intensa ed emozionante cerimonia nella quale,  in modo ordinato e nel rispetto delle misure anti-contagio da Sars Cov2, il personale della polizia municipale e gli amministratori delle diverse realtà regionali, dopo essersi radunati e schierati  nell’ area di parcheggio con i propri veicoli di istituto ed aver tributato il saluto militare alle autorità cittadine ed ai membri del Corpo di Polizia Municipale di Acerra, hanno rotto il silenzio creatosi, con il fragore delle sirene dei propri veicoli di istituto per esprimere, concretamente, solidarietà e vicinanza ai colleghi colpiti dal vile gesto.

 

Dopo il breve intervento del Sindaco Raffaele Lettieri nel quale, lo stesso, ha sottolineato la volontà di non indietreggiare di fronte all’evento criminoso e di continuare a perseguire il diritto e la legalità ad ogni costo, ciascuno degli operatori di polizia municipale, ha fatto ritorno al proprio comando, consapevole di non essere solo nella battaglia, quotidiana, per l’affermazione della legalità e della convivenza civile.

Quando infatti, si mettono in discussione, in modo così vile e barbaro, i valori fondanti della nostra democrazia, dando fuoco ad un veicolo con la scritta “POLIZIA”, ciascuno di noi, al di là del proprio ruolo,  è chiamato ad intervenire perché solo uniti si vince. E ad Acerra il 17 dicembre, lo si è fatto, in modo concreto, ordinato e anche bello, (come testimonia il video allegato) proprio come auspicava Peppino Impastato, vittima della Mafia,  in una delle sue frasi più celebri: se si insegnasse la bellezza alla gente, la si fornirebbe di un’arma contro la rassegnazione, la paura e l’omertà.

 

17.12.2020  Raffaele Masullo, Ufficiale Polizia Municipale di Pompei.


Condividi